Vademecum per il contrasto ai possibili contagi da Coronavirus. Risposte alle domande più frequenti

In News, Rassegna, Slider

RICORDA:

  • contro il coronavirus occorre soprattutto prudenza e rispettare le indicazioni
  • stai a casa, esci solo per necessità reali
  • rimani alla distanza di almeno un metro dalle altre persone
  • lavati spesso le mani
  • non toccarti occhi, naso e bocca con le mani
  • copri bocca e naso se starnutisci o tossisci
  • pulisci le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol
  • evita il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute
  • non prendere farmaci antivirali né antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico
  • se hai febbre o tosse contatta telefonicamente il tuo medico, il 112 o il numero verde 1500
  • usa la mascherina se sospetti di essere malato, assisti persone malate e quando previsto dalle ordinanze


FAQ:

Cos’è il Nuovo Coronavirus?
I Coronavirus sono una vasta famiglia di virus causa di malattie che vanno dal comune raffreddore a malattie più gravi come la Sindrome respiratoria mediorientale (MERS) e la Sindrome respiratoria acuta grave (SARS).
Un nuovo Coronavirus (nCoV) è un nuovo ceppo di coronavirus che non è stato precedentemente mai identificato nell’uomo. In particolare quello che provoca la malattia denominata COVID-19 non è mai stato identificato prima di essere segnalato a Wuhan, in Cina, a dicembre 2019.

Quali sono i sintomi di una persona con COVID-19?
Attenzione: alcune persone si infettano, non sviluppano alcun sintomo ma sono contagiosi. Generalmente i sintomi sono lievi, soprattutto nei bambini e nei giovani adulti, e a inizio lento. I sintomi più comuni sono febbre, stanchezza e tosse secca. Alcuni pazienti possono presentare indolenzimento e dolori muscolari, congestione nasale, naso che cola, mal di gola o diarrea. Questi sintomi sono generalmente lievi e iniziano gradualmente. Nei casi più gravi, l’infezione può causare polmonite, sindrome respiratoria acuta grave, insufficienza renale e persino la morte. Circa 1 su 5 persone con COVID-19 si ammala gravemente e presenta difficoltà respiratorie.

Come si trasmette il nuovo Coronavirus da persona a persona?
Il nuovo Coronavirus è un virus respiratorio che si diffonde principalmente attraverso il contatto stretto con una persona malata. La via primaria sono le  goccioline del respiro delle persone infette ad esempio tramite:
– la saliva, tossendo e starnutendo;
– contatti diretti personali;
– le mani, ad esempio toccando con le mani contaminate (non ancora lavate) bocca, naso o occhi;
– in casi rari il contagio può avvenire attraverso contaminazione fecale.
Normalmente le malattie respiratorie non si tramettono con gli alimenti, che comunque devono essere manipolati rispettando le buone pratiche igieniche ed evitando il contatto fra alimenti crudi e cotti. Sono in corso gli studi per comprendere meglio le modalità di trasmissione del virus.

Cosa si intende per contatto stretto?
Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie definisce contatto stretto:
– chi vive nella stessa casa di un caso di COVID-19;
– chi ha avuto un contatto fisico diretto con un caso di COVID-19 (per esempio la stretta di mano);
– chi ha avuto un contatto diretto non protetto con le secrezioni di un caso di COVID-19 (ad esempio toccare a mani nude fazzoletti di carta usati);
– chi ha avuto un contatto diretto (faccia a faccia) con un caso di COVID-19, a distanza minore di 2 metri e di durata maggiore a 15 minuti;
– chi si è trovato in un ambiente chiuso (ad esempio aula, autobus, aereo, auto, sala riunioni, sala d’attesa, ufficio…) con un caso di COVID-19 per almeno 15 minuti, a distanza minore di 2 metri;

Ci sono differenze di obblighi o divieti all’interno del territorio nazionale per il contrasto al nuovo Coronavirus?
No, per effetto del dpcm del 9 marzo le regole sono uguali su tutto il territorio nazionale e sono efficaci dalla data del 10 marzo e sino al 3 aprile.

L’infezione da nuovo Coronavirus può essere contratta da un caso che non presenta sintomi (asintomatico)?
Sì. Gli individui sintomatici sono la causa più frequente di diffusione del virus ma l’OMS considera non frequente il contagio di altre persone ancora prima oppure a prescindere che vengano sviluppati i sintomi.

Si può contrarre il nuovo Coronavirus attraverso il contatto con le maniglie degli autobus o sulla metropolitana stando vicini a una persona che tossisce?
Sì. Poiché la trasmissione può avvenire attraverso oggetti contaminati, è sempre buona norma, per prevenire infezioni, anche respiratorie, lavarsi frequentemente e accuratamente le mani, dopo aver toccato oggetti e superfici potenzialmente sporchi, prima di portarle al viso, agli occhi e alla bocca. È sempre buona norma, per prevenire infezioni, anche respiratorie, il lavaggio frequente e accurato delle mani, dopo aver toccato oggetti e superfici potenzialmente sporchi, prima di portarle al viso, agli occhi e alla bocca. Lavati le mani spesso e accuratamente con acqua e sapone per almeno 60 secondi. Se non sono disponibili acqua e sapone, è possibile utilizzare anche un disinfettante per mani a base di alcool (concentrazione di alcool di almeno il 60%).

Quanto tempo sopravvive il nuovo Coronavirus sulle superfici?
Le attuali informazioni attestano che il virus può sopravvivere alcune ore, anche se si è ancora in fase di studio. L’utilizzo di semplici disinfettanti è in grado di uccidere il virus annullando la sua capacità di infettare le persone, per esempio disinfettanti contenenti alcol (etanolo) al 75% o a base di cloro all’1% (candeggina).

Cosa si intende per “evitare ogni spostamento delle persone fisiche”? Ci sono dei divieti? Si può uscire per andare al lavoro? Chi è sottoposto alla misura della quarantena, si può spostare?
Si deve evitare di uscire di casa. Si può uscire per andare al lavoro  o per ragioni di salute o per altre necessità, quali, per esempio, l’acquisto di beni essenziali. Si deve comunque essere in grado di provarlo, anche mediante autodichiarazione da presentare alle forze di polizia statali e locali. La veridicità delle autodichiarazioni sarà oggetto di controlli successivi e la non veridicità costituisce reato. Senza una valida ragione, è richiesto e necessario restare a casa, per il bene di tutti.

È previsto anche il “divieto assoluto” di uscire da casa per chi è sottoposto a quarantena o risulti positivo al virus. Se abito in un comune e lavoro in un altro, posso fare “avanti e indietro”?
Sì, è uno spostamento giustificato per esigenze lavorative.

Ci sono limitazioni negli spostamenti per chi ha sintomi da infezione respiratoria e febbre superiore a 37,5?
In questo caso si raccomanda fortemente di rimanere a casa, contattare il proprio medico e limitare al massimo il contatto con altre persone.

È possibile uscire per andare ad acquistare generi alimentari? I generi alimentari saranno sempre disponibili?
Sì, si potrà sempre uscire – uno per famiglia – per acquistare generi alimentari e non c’è alcuna necessità di accaparrarseli ora perché saranno sempre disponibili.

Si può uscire per acquistare beni diversi da quelli alimentari?
Si, solo in caso di stretta necessità e per i generi commerciali previsti dalle ordinanze.

È consentito fare attività motoria?

Sì, l’attività motoria all’aperto, nelle vicinanze di casa, è consentita purché non in gruppo.

Posso andare ad assistere i miei cari anziani non autosufficienti?
Sì, è una condizione di necessità. Ricordate però che gli anziani sono le persone più vulnerabili e quindi cercate di proteggerle dai contatti il più possibile.

Sono separato/divorziato, posso andare a trovare i miei figli?
Sì, gli spostamenti per raggiungere i figli minorenni presso l’altro genitore o comunque presso l’affidatario, oppure per condurli presso di sé, sono consentiti, in ogni caso secondo le modalità previste dal giudice con i provvedimenti di separazione o divorzio.

Sono previste limitazioni per il transito delle merci?
No, nessuna limitazione. Tutte le merci (quindi non solo quelle di prima necessità) possono essere trasportate sul territorio nazionale. Il trasporto delle merci è considerato come un’esigenza lavorativa: il personale che conduce i mezzi di trasporto può spostarsi, limitatamente alle esigenze di consegna o prelievo delle merci.

I corrieri merci possono circolare?
Sì, possono circolare.

Sono un autotrasportatore. Sono previste limitazioni alla mia attività lavorativa?
No, non sono previste limitazioni al transito e all’attività di carico e scarico delle merci.

Gli uffici pubblici rimangono aperti?
Sì, su tutto il territorio nazionale. L’attività amministrativa è svolta regolarmente. In ogni caso quasi tutti i servizi sono fruibili online. E’ prevista comunque la sospensione delle attività didattiche e formative in presenza di scuole, nidi, musei, biblioteche.

Il decreto dispone per addetti, utenti e visitatori degli uffici delle pubbliche amministrazioni, sull’intero territorio nazionale, la messa a disposizione di soluzioni disinfettanti per l’igiene delle mani. Nel caso di difficoltà di approvvigionamento di tali soluzioni e conseguente loro indisponibilità temporanea, gli uffici devono rimanere comunque aperti?
Gli uffici devono rimanere comunque aperti. La presenza di soluzioni disinfettanti è una misura di ulteriore precauzione ma la loro temporanea indisponibilità non giustifica la chiusura dell’ufficio, ponendo in atto tutte le misure necessarie per reperirle.

 

You may also read!

Le palestre di danza sportiva ripartono in sicurezza. IL PROTOCOLLO FEDERALE

ISTRUZIONI PRATICHE. Dopo le specifiche linee guida emanate e pubblicate dalla Federazione Italiana Danza Sportiva per gli allenamenti degli

Read More...

OFFERTE LAVORO E SERVIZI DAI SOCI FIDS SARDEGNA

Le attività dei nostri amici Federdanza Sardegna Ditta artigiana KLIMATHERM di Pietro Bodano e Giusi Catania Via Rossini 30, Quartu

Read More...

Cagliari Dance Festival edizione online durante il periodo di lockdown

Dopo il rinvio al prossimo autunno, condizioni socio-sanitarie permettendo, l’organizzazione dell’evento sportivo ha promosso una edizione online per il

Read More...

Mobile Sliding Menu